Nel corso degli anni gli sviluppatori del kernel Linux hanno lavorato alacremente per cercare di i consumi energetici e di conseguenza quindi cercare di aumentare l’autonomia dei nostri portatili.

Il progetto TLP va proprio in questa direzione, in quanto tramite questo programma è possibile migliorare significativamente i consumi energetici del nostro portatile e non solo.

Per far questo, TLP, va ad operare sulle varie frequenze del processore, andando a migliorare la gestione delle performance dei pc multicore oltre ad agire su alcuni componenti come la scheda Wi-fi, l’hard disk, le unità ottiche ecc.

Anche se il progetto in di per sé è complesso, TLP è stato progettato per essere installato, configurato e quindi dimenticato, in quanto il software stesso si occupa automaticamente di regolare le varie impostazioni all’occorrenza e quindi senza nessun input attivo da parte dell’utente.

TLP è altamente configurabile e possiamo modificarlo in base alle nostre specifiche esigenze, sia attraverso la modifica del file di configurazione, sia utilizzando TLPUI. una GUI di terze parti che permette di accedere a tutte le impostazioni del software da una semplice interfaccia grafica.

Il funzionamento di TLP è abbastanza semplice da comprendere.

Il software rileva automaticamente se il nostro PC sta funzionando a batteria o in modalità AC, cioè connesso al cavo della corrente elettrica, e in base a questo applica delle impostazioni differenti.

Se ad esempio il nostro portatile sta funzionando con la batteria, TLP abbassa la frequenza operativa della CPU e della GPU, il Wi-Fi viene impostato in modalità risparmio energetico e così via.

Come funziona TLP

Il tool rileva automaticamente se il vostro pc sta funzionando a batteria o in modalità AC e, in base a ciò, applica impostazioni differenti.

Quando il laptop si trova a dover usare la batteria TLP applica alcune tecniche per risparmiare la batteria, ad esempio abbassa automaticamente la frequenza operativa della CPU e della GPU e il Wi-Fi viene impostato in modalità “power saving”.

In questa nuova versione, la 1.2, è stato introdotto il supporto ad NVMe per i dischi rimovibili e sono state introdotte diverse altre migliorie che ne estendono le funzionalità.

Inoltre vi segnalo che a partire da questa versione il comando tlp stat ( serve per vedere le statistiche e le funzionalità attive) non è più supportato ed è stato soppiantato dal comando tlp-stat. Per vedere la lista completa delle novità presenti in questa release potete dare un occhiata al changelog disponibile su GitHub.

Installazione di TLP 1.2

Il codice sorgente può essere scaricato dal repository ufficiale del progetto su GitHub.

Inoltre questo tool è disponibile per tutte le distribuzioni GNU/Linux e può essere installato dai repository ufficiali come viene spiegato sul sito ufficiale del progetto.

La nuova versione 1.2, in realtà ad oggi però non è disponibile su tutte le distro. Infatti la possiamo trovare solo su Arch Linux e in un PPA, per le distro Ubuntu based, gestito direttamente dagli sviluppatori del progetto.

Se stiamo utilizzando una distro basata su Ubuntu, possiamo installare facilmente la versione 1.2 di TLP, per farlo ci basta aprire il terminale e:

Aggiungiamo il repository con il comando:

sudo add-apt-repository ppa:linrunner/tlp

Adesso diamo il seguente comando, per aggiornare l’elenco dei repository:

sudo apt update

Quindi non ci resta che installare TLP tramite il comando:

sudo apt install tlp tlp-rdw

Da notare che con il comando che abbiamo dato qua sopra abbiamo anche installato la parte del software che permette di gestire anche le altre periferiche come il Wi-fi e il bluetooth.

Infine, una volta che l’installazione è stata completata non ci resta che avviare il programma tramite il comando:

bash sudo tlp start ` Finito, adesso TLP penserà a farci risparmiare un pò di batteria in più sul nostro portatile.